Sei in regola con la normativa antiriciclaggio?

StAR è il software di gestione del tuo archivio unico

Semplice da usare

Sempre aggiornato

Conforme alla normativa

 
 
  Software Antiriciclaggio
  Il Decreto Leg. 231/2007
  La normativa
  Tour e Screenshots
  Video Tutorial
  Provalo GRATIS
  Quanto costa?
  Compra subito
  Richiesta informazioni
  Scarica la brochure
  Scarica subito il software
  Roadmap
  FAQ, Domande Frequenti
  Articoli e approfondimenti
  Convenzioni/Rivenditori
  Manuale Star.PRO
  Manuale Star.OP
Richiedi Cd

Download Rapido

 
Novità
10/08/2012
Ferie estive
Augurando buone vacanze ai nostri clienti, informiamo che i nostri uffici saranno chiusi dal 13 al 26 agosto inclusi. L'assistenza clienti è comunque disponibile via email.
26/09/2011
Star.PRO 2011.2
Aggiornamento 2011.2 online per Star PRO: per eseguire l'aggiornamento basta avviare l'applicazione e confermare il download. Fra le novità la nuova gestione del livello di rischio.
leggi
17/06/2011
Star.OP 2011.2
Aggiornamento 2011.2 online per StarOP. Dall'area clienti è possibile scaricare il nuovo setup, mentre i clienti attivi possono aggiornare le proprie installazioni come di consueto, mediante la procedura di Live Update. L'aggiornamento coinvolge anche il Live Update, dunque i clienti attuali riceveranno due aggiornamenti per allinearsi all'ultima versione disponibile.
leggi
13/05/2011
Star.PRO 2011.1.1
Aggiornamento 2011.1.1 online per StarPRO. I clienti attivi possono aggiornare le proprie installazioni come di consueto, mediante la procedura di Live Update.
leggi
02/02/2011
Star.PRO 2011.1
Aggiornamento 2011.1 online per StarPRO. I clienti attivi possono aggiornare le proprie installazioni come di consueto, mediante la procedura di Live Update. A breve la versione 2011.1 di Star.OP.
leggi
 
Gli articoli e le news sull'antiriciclaggio
 TitoloDataURL
Change page: < >  |  Displaying page 1 of 3, items 1 to 10 of 22.
LeggiDecreto legislativo 151/200903/11/2009vai a fonte
LeggiL'antiriciclaggio si allarga07/07/2009vai a fonte
LeggiNormativa antiriciclaggio San Marino28/10/2008vai a fonte
LeggiNormativa Antiriciclaggio n° 231/200708/06/2008vai a fonte
LeggiAssegni trasferibili fino a 5000 euro21/03/2008vai a fonte
LeggiRiassunto terza direttiva antiriciclaggio07/02/2008vai a fonte
LeggiMeno obblighi per i mediatori creditizi06/02/2008vai a fonte
LeggiIndirizzi corrispondenza UIF16/01/2008vai a fonte
Leggi L'Ufficio Italiano dei Cambi in Banca d'Italia01/01/2008vai a fonte
LeggiCED: Registrazione entro il 25/5/200815/12/2007vai a fonte

L'antiriciclaggio si allarga
Responsabilità di vigilanza per i corner di giochi e scommesse.

I controlli antiriciclaggio si alleggeriranno per i professionisti, ma si allargheranno alle associazioni di categoria di imprenditori e commercianti, come ai Caf e ai patronati. 
Alla lotta alle "lavatrici" di denaro saranno chiamati, accanto ai casinò e alle case da gioco online, anche i corner di giochi e scommesse. Si rafforzerà il monitoraggio dei pagamenti in contanti. 
E resteranno stringenti i controlli sulle operazioni tra loro collegate per soggetto, oggetto o scopo. 
Il Consiglio dei ministri di ieri ha infatti dato il primo via libera allo schema del decreto legislativo che corregge il decreto 231 del 2007 sull'antiriciclaggio.

Ora il testo passerà all'esame delle commissioni parlamentari per acquisire i pareri. 
E solo dopo aver ottenuto un secondo «sì» da Palazzo Chigi le modifiche diventeranno definitive.

Per ora, le correzioni svincolano in alcuni casi i professionisti dagli obblighi di mettere in pratica l'adeguata verifica dei clienti, la registrazione dei dati e la segnalazione all'Unità di informazione finanziaria delle operazioni a rischio di riciclaggio. 
In particolare, la bozza fa uscire dalla platea dei vigilantes antiriciclaggio i professionisti che compongono gli organi di controllo (come il collegio sindacale, il consiglio di sorveglianza, il comitato di controllo di gestione) degli intermediari chiamati, a loro volta, a rispettare gli obblighi antiriciclaggio: gli organi dovranno solo verificare il rispetto delle norme da parte degli intermediari vigilati.

Saranno esentati dall'adeguata verifica e dalla registrazione (ma non dall'obbligo di segnalazione alla Uif) anche i professionisti che si limitano a redigere e a trasmettere le dichiarazioni «derivanti da obblighi fiscali». Si tratta di una definizione più ampia rispetto a quello utilizzata dal decreto 231 (che parla di «dichiarazioni dei redditi»). Allarga il campo anche l'esclusione dagli obblighi antiriciclaggio per gli adempimenti in materia di amministrazione del personale: oltre ai consulenti del lavoro, saranno esonerati anche gli altri professionisti quando svolgono questa attività.

La bozza chiarisce anche i contorni dell'obbligo, posto a carico degli Ordini professionali, di informare la Uif delle violazioni delle norme antiriciclaggio: dovranno farlo solo se si imbattono nelle infrazioni «nell'ambito dell'esercizio delle loro funzioni istituzionali». Ancora: il decreto correttivo annovera in modo esplicito tra i "controllori" anche le associazioni di categoria di imprenditori e commercianti, i Caf e i patronati.

Un pacchetto di semplificazioni e di precisazioni che, secondo i professionisti, è un buon punto di partenza. Ma non basta. Così, i Consigli nazionali di commercialisti e notai hanno messo a punto un documento che raccoglie una serie di proposte di modifica del decreto correttivo. Tra le questioni che stanno più a cuore ai professionisti, c'è la soppressione della possibilità di utilizzare per la lotta all'evasione fiscale le informazioni raccolte per contrastare il riciclaggio. E poi l'attenuazione dell'obbligo di individuare il titolare effettivo "nascosto" dietro un'operazione. Anche dai consulenti del lavoro arriva la richiesta di essere sentiti durante il passaggio in Parlamento del decreto correttivo.

La bozza del decreto coinvolge poi nella lotta al riciclaggio i corner di giochi e scommesse: dal 1° marzo 2010 dovranno procedere a raccogliere e conservare i dati dei clienti che giocano più di mille euro. Precisazioni in arrivo anche per i pagamenti in contanti. Restano vietati se superano la soglia di 12.500 euro: anche se sono realizzati attraverso versamenti di importo inferiore, «artificiosamente frazionati». Nessuna variazione, invece, per le operazioni «collegate». Da tempo, gli operatori avevano chiesto di eliminare per queste operazioni l'adeguata verifica e la registrazione: ma l'alleggerimento, accolto in una prima versione del decreto, è stato sfilato dalla bozza approvata ieri.


Valentina Maglione
IL SOLE 24 ORE


07/07/2009 vai a fonte
Azienda   |   Software   |   Downloads   |   Area Clienti   |   Support   |   Admin

Copyright © DynamiCode s.r.l., 2006-2007. Tutti i diritti riservati.
P.I. 02899380832 - info@antiriciclaggiostar.it